Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

OK
MENU
Per motivi precauzionali legati all’emergenza sanitaria in corso, al fine di tutelare la salute pubblica questa attività resterà chiusa al pubblico dal 11/3 fino a data da destinarsi. Ulteriori comunicazioni in tempo reale attraverso i nostri social: Facebook: https://www.facebook.com/orologiaio.it/ Sito Web: https://www.orologiaio.it Restano attivi i servizi di vendita online direttamente nel nostro e-shop presente su sito.

La protesta degli orologiai - Gazzetta di Mantova

25/11/2015

Nell'intervista la storia di molti orologiai si ripete. La nascita di una passione sin da piccoli. I primi approcci con ingranaggi, molle e ruotismi ed inevitabilmente i primi disastri ... Da grandi la passione si trasforma in un lavoro e arrivano le prime soddisfazioni che alimentano man mano il sogno di aprire un proprio laboratorio indipendente. Anni di esperienza, ricerca, tentativi, fallimenti e soddisfazioni quanto quel meccanismo lasciato nel cassetto per anni, trascurato, con olii secchi, ruotismi impastati e perni rotti ... ritorna a scandire la vita dei nostri clienti. Quanti ricordi sono legati a quell'orologio, quante storie potrebbe raccontare. Le nostre storie. 

Negli ultimi dieci hanni però qualcosa cambia nel mercato dell'orologeria. Le case produttrici di orologi vengono man mano acquistate e assorbite nelle mani di pochissime multinazionali del lusso che inziano a non rifornire più gli orologiai riparatori indipendenti ma unicamente i loro concessionari autorizzati. Poi anche i contratti di concessione vengono man mano chiusi e gli orologi venduti unicamente nelle loro boutique. Le strade per il clienti si chiudono. La figura dell'orologiaio di fiducia tende a sparire perchè spesso non può riparare l'orologio a causa della mancata fornitura di ricambi. E' obbligato a portarlo al produttore e spesso a subire prezzi imposti che sono di gran lunga più alti di quelli cui era abituato e i tempi di attesa infinitamente più lunghi. Siamo entrati in Europa con promesse di libera concorrenza e libero scambio delle merci. Questo principio è stato difeso nel mercato delle auto quanto la stessa cosa stava avvenendo con i meccanici e le case produttrici si pretendevano di rifornire sono le loro autofficine autorizzate. In questo caso la Commissione Europea è intervenuta a fermare questo tentativo di accentrare il mercato nelle loro mani. Per gli orologiai invece non è accaduto in quanto la nostra situazione è stata definita "economicamente irrilevante" 5.000 attività in Italia, e il problema non è solo italiano ma molto sentito anche in tanti altri paesi europei come Francia e Spagna. 

Vi invito quindi a condividere e leggere l'articolo apparso sulla Gazzetta di Mantova lo scorso 23 novembre e se volete rimanere aggiornati continuate a seguire il nostro blog o l'Associazione Orafa Lombarda . 

http://m.gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2015/11/23/news/la-protesta-degli-orologiai-lasciati-senza-ricambi-1.12495743?ref=fbfma&refresh_ce